20101030

C l o u d O n M y M i n d. A CONTRACT WITH GOD (Will Eisner)

Primo. E' il primo romanzo grafico - o graphic novel, come preferite - che ho letto, di conseguenza il primo a cui dedico una rubrica, ma è il primo anche in altri sensi. Mi spiego. Contratto con Dio è considerato da molti uno dei primi lavori di questo genere - se non il primo - che inizia a discostarsi dal classico fumetto seriale, con cadenza periodica: per intenderci il classico comic book. Anche altri autori in precedenza si erano avvicinati a questo nuovo linguaggio e formato, Hugo Pratt ad esempio, ma molto probabilmente è questo libro che definisce il romanzo a fumetti in maniera decisiva.

E' una rivoluzione all'interno dei confini e delle conoscenze che il fumetto aveva portato avanti fino a quel momento: 1978 uscita ufficiale di quest'opera. Will Eisner, divenuto famoso per un fumetto seriale quale The Spirit, prova a raccontare attraverso quattro storie, la realtà. Compito non facile, ma riuscito in tutto e per tutto. Le strade, i palazzi popolari sono quelli del Bronx, l'epoca è quella degli anni trenta, i personaggi sono immigrati, in particolare ebrei. Le frecce al suo arco sono innumerevoli: la capacità di delineare in maniera essenziale i tratti fisici e comportamentali dei personaggi, gli ambienti che trasudano l'umanità di un quartiere all'interno del quale l'autore sviluppa le vicende. Eisner prende spunto dalla propria esperienza personale, essendo egli figlio di ebrei arrivati in America da Austria e Romania. Per chiunque fosse appassionato di racconti brevi, un bel modo per scoprire un'avvincente combinazione di linguaggi. I dialoghi, le situazioni, la pioggia, i rapporti sono narrati senza fare sconti: crudi, amari, ma in definitiva mai stucchevoli o retorici. Penso si possa definire come una sorta di tragedia umana raccontata a fumetti.

In Italia il libro è pubblicato da Fandango Libri.

Balthazar Smith

2 commenti:

CheRotto ha detto...

complimenti per l'ottima recensione di uno dei capisaldi del fumetto, bravo!

BALTHAZAR SMITH ha detto...

grazie! Sto ancora affinando le mie conoscenze, ma dopo aver collaborato al Treviso Comic Book Festival sono molto lanciato :)