20090528

NEIL YOUNG: ON THE BEACH (S 19)

Non ho molto da dire. Uno dei miei cinque (5) dischi preferiti di sempre, molto importante all'interno della discografia del canadese in quanto rappresenta il punto di risalita dopo la crisi profonda di Time fades away e Tonight's the night. 
Il primo rappresenta l'inizio della cosiddetta trilogia oscura mentre il secondo ne è il cuore, lo snodo centrale. On the beach è il sollievo, anche se come spesso accade nella vita, esso è solo un sollievo apparente: Ambulance blues, Revolution blues e Motion picture sono lì a dimostrarlo, come evidenti esempi di ferite ancora aperte.

Balthazar Smith

1 commento:

the black cat ha detto...

la coda della pontiac mi ricorda un lp che ho preso di recente